I Motivi di Litigio tra Amici





In tutte le relazioni (tra amici, familiari, nella coppia ecc.) è del tutto normale avere delle discussioni e dei conflitti. Sono tante le cose che abbiamo di diverso e non è facile per nessuno accettare tutte le diversità dell'altro. Però amici e coppie che passano insieme il tempo da molti anni possono superare più facilmente le liti che si vengono a verificare durante tutti gli anni del rapporto. In questo articolo ci concentriamo sugli amici in generale ma anche sui "migliori amici". Molti migliori amici lo sono sin da piccoli, i genitori si conoscono, ci si racconta segreti, si vivono tante storie insieme, ma allora perché dopo molti anni ancora si litiga? E soprattutto quali sono i motivi di litigio tra amici?


I più frequenti motivi di litigio tra amici


Incomprensione

Credo sia il motivo numero uno e quindi anche il più frequente di un litigio. La maggior parte delle discussioni nasce da un'incomprensione perché una persona interpreta male ciò che ha fatto o detto l'altro. Ovviamente non è detto che per forza una persona debba capire male, ma l'incomprensione può derivare anche dal fatto che uno dei due non si è spiegato bene, ha usato parole sbagliate, è stato affrettato nel dire le cose o non ha dato peso a determinate parole. Comunque ciò che sta alla base dell'incomprensione è che l'altra persona non voleva fare ciò che noi pensavamo volesse fare. Vale anche il contrario e cioè che l'altro pensa "male" di una nostra azione che di male non aveva assolutamente nulla.

Orgoglio

Si litiga anche per orgoglio. Orgoglio prima di tutto nel non voler ammettere di poter sbagliare, di essersi potuti esprimere male e nel non voler chiedere scusa. A volte si è anche troppo orgogliosi per chiedere un aiuto e dopo che non si è riusciti a fare una cosa, incolpare l'amico di non averci voluto aiutare.

Linguaggio offensivo

Capita di usare un linguaggio offensivo e/o volgare anche nel dire cose "normali". Questo a uno dei due potrebbe dare fastidio e chiedere all'amico di smetterla. L'altro può intenderlo come un ordine e quindi la prende come un'offesa, offendendo a sua volta con linguaggio volgare peggiorando così la situazione.

Ferire i sentimenti dell'altro

Delle volte si feriscono i sentimenti dell'altro non ascoltandolo, non dando peso ai suoi problemi o non essendo in empatia con lui. I sentimenti dell'altro si possono ferire anche litigando con gli altri suoi amici più cari, familiari, partner ecc.

Non Aiutare



Tra amici ci si aiuta però alcuni non vogliono dare un limite a questa cosa e pretendono tutto senza voler dare. Aiutare un amico non vuol dire mettersi in guai seri per coprirlo, se fosse un vero amico cercherebbe di  non coinvolgerci. Però a volte si litiga perché accusiamo o veniamo accusati di non essere stati aiutati che molte volte viene inteso come tirare fuori dai guai, dire bugie ecc.

Tradire la fiducia

Tradire la fiducia di una persona cara è una delle cose peggiori se non la più grave. Questo può comprendere tante cose ma fatto sta che quando una persona si sente tradita, allora sarà difficilissimo recuperare la sua fiducia. Molte volte è impossibile recuperare completamente la fiducia. Alcune volte si esagera però accusando l'altro di aver tradito la nostra fiducia perché per esempio non ci ha invitato a casa sua mentre ha invitato un altro amico.

Gelosia ragazzi-ragazze

C'è anche la gelosia tra ragazzi\e e persone dell'altro sesso. Nell'adolescenza specialmente, amici da tanto tempo si trovano a scontrarsi perché piace per esempio la stessa ragazza o ragazzo e questo e questo è uno dei motivi di litigio tra amici. Oltre a questo tipo di gelosia esiste anche quella scaturita dal fatto che il nostro amico cominci a stingere altre amicizie, ad avere nuovi interessi e passare il tempo con altre persone. Questo è un motivo di litigio e discussione perché ognuno di noi vorrebbe essere "amico migliore".

Rompere un oggetto personale



Molto spesso tra amici ci si prestano delle cose anche personali perché appunto si ha fiducia nell'altra persona, ma se il nostro amico ha poca cura di ciò che gli abbiamo prestato, la rompe o la perde questo sarà una causa di litigio molto serio. Può capitare a tutti che succeda di perdere un oggetto e dipende molto da come una persona si comporta. Una cosa è se dice: "non sai quanto mi dispiace, sono stato male tutto il giorno prima di dirtelo, ti prometto che ne comprerò un altro uguale ecc.", un'altra invece è se dice:  "vabbè ne hai altri, era vecchio, che ci dovevi fare, non valeva niente ecc".


Parlare alle spalle

Più spesso di quanto si immagini capita di venire a sapere che un nostro amico (o che ritenevamo tale) ha parlato male di noi agli atri o alla ragazza/ragazzo che ci piace. Questa è una cosa veramente brutta ed è un motivo di litigio alquanto serio. Parlare alle spalle è come tradire la fiducia che si è riposta in quella persona e questo capita maggiormente quando un amico al quale abbiamo confidato un nostro segreto, va a dirlo in giro agli altri. In questo caso è raro che l'amicizia possa tornare come prima.

Prestare soldi

Come per gli oggetti prestati, i soldi sono un argomento ancora più delicato e uno dei motivi di litigio tra amici. Prestare soldi agli amici può essere davvero distruttivo per il rapporto. Non c'è niente di male ad aiutare se si ha la possibilità ma questo molte volte porta a delusioni. Inoltre il rapporto cambia quando si prestano dei soldi e la persona non ce li restituisce. Se un amico ti ha prestato i soldi, si sentirà in dovere di vedere tutto quello che fai e che compri dicendo: "ancora non mi ha dato i soldi però si permette di andare al pub, in vacanza ecc". Questo è quello che faremmo anche noi specialmente se non abbiamo così tanti soldi ma abbiamo rinunciato a comprarci una cosa pur di aiutare quell'amico. Il prestito di denaro può cambiare tantissimo il rapporto. State attenti!

Invidia

Anche dopo tanti anni di rapporto può capitare che uno dei due si laurei, che trovi un bel lavoro, che compri una macchina di lusso oppure che conquisti il ragazzo/ragazza che piace a noi e cresce piano piano l'invidia. Si cominciano a rinfacciare tante cose e si dice all'altro: "è facile parlare per te siccome hai i soldi, è facile trovare lavoro con la tua laurea, ecc." In questo modo si diventa invidiosi di ciò che è e che possiede l'altra persona. Inutile dire che bisogna sempre parlarne se c'è disponibilità e apertura da entrambi le parti. L'invidia non porta niente di buono se non sfociare nel rancore e odio oltre che disprezzo per quello che fino a quel momento era il tuo amico o migliore amico.

Siamo giunti alla fine di questo articolo, nel prossimo vedremo invece come far pace con un amico, come gestire un litigio e i passi giusti da fare.


Hai litigato o stai litigando con un amico? Quale è stato il motivo del vostro litigio? Rientra in queste categorie? Parlacene o dicci come lo state affrontando.
Grazie :)

Risorse per approfondire:


Litigare per crescere


Confrontarsi senza litigare

Litigare fa bene

7 commenti:

  1. E' tutto molto interessante ed esaustivo, ma almeno per quanto mi riguarda, attualmente la maggior parte dei litigi li vivo con mio marito; mi capita però di offendermi quando dò tutto ad un amico magari per aiutarlo e quando sono io magari ad aver bisogno , lui sparisce. In questo caso penso che il valore della parola amicizia non sia chiaro ad entrambi alla stessa maniera, ma mi è anche capitato, caso del tutto particolare ed eccezionale, di ricevere tanto da un'amica, che più che altro si comportava da sorella maggiore, e lei non ha mai preteso nulla in cambio, ma credo che siano situazioni davvero più uniche che rare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia,
      Purtroppo tutti abbiamo avuto delle esperienze brutte con persone che credevamo amici e che invece non lo erano affatto. Di solito, a parte rari casi, le relazioni finiscono per incomprensione e se noi facevamo parte di quella relazione ne siamo coinvolti sempre, sia che le cose finiscano bene sia che finiscano male.
      I motivi di litigio possono essere tanti ma certe "amicizie" e bene allontanarle perché il nostro tempo è prezioso e dobbiamo dedicarlo solo a chi lo merita.

      Per quanto riguarda i litigi col partner, invece, dipende a che fase del matrimonio ci si trova (ci sono 7 tappe fondamentali) e ogni tappa è caratterizzata da qualche incomprensione. Conoscere in che fase ci si trova, aiuta ad affrontare insieme i motivi di litigio nella coppia (i più comuni sono 14) ed insieme fare di tutto per migliorare il rapporto in nome del sentimento che si prova verso il partner.
      Ti auguro tante cose belle,
      Aurel Palmaccio

      Elimina
    2. mi è venuto un pò da sorridere perchè non siamo sposati neanche da due anni, però è anche vero che convivevamo da circa 4/5 anni con qualche pausa. Noi stiamo facendo una terapia di coppia; la professionista che ci segue purtroppo non la vediamo molto spesso ma è bravissima, sia a livello professionale che umano; siamo senz'altro in una fase di crescita, sia a livello individuale che come coppia , anche se mio marito è davvero un bambinone, come dicono anche i suoi amici e soprattutto ne abbiamo passate davvero di tutti i colori assieme, più che altro io, ma lui indirettamente ne è comunque rimasto coinvolto e chiaramente questi avvenimenti hanno influenzato il nostro rapporto, ma nella negatività, fortunatamente, ho personalmente riscontrato anche degli aspetti senz'altro molto positivi per entrambi . Grazie

      Elimina
    3. Mi fa tanto piacere Claudia.
      Per poter trarre dei benefici dal rapporto, il metodo migliore è sempre collaborare con il proprio partner.
      A tutte le età subiamo dei cambiamenti personali dovuti alle diverse fasi della vita e non è facile affrontare questi cambiamenti sia fisici che psichici. Il partner in questo senso è davvero un ottimo aiuto e supporto e queste tappe durante il percorso di coppia non devono essere motivi di litigio, ma uno strumento per crescere insieme.
      Continua con la tua positività,
      Aurel Palmaccio

      Elimina
  2. Amico /a per me è colui/lei con il quale mi sento a mio agio a fare confidenze, senza preoccuparmi che queste vengano diffuse. Nonostante sia estremamente estoversa ho molto a cuore la mia e la privacy altrui. X i soldi quello si è un punto abbastanza dolente , però cerco di limitare questo tipo di aiuto , dipende per cosa servono. Di amici se ne hanno pochi. Di conoscenti molti. Concluderei io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana,
      E' proprio vero che di conoscenti se ne hanno davvero molti. Molte volte distinguiamo i veri amici dai conoscenti in situazioni brutte e molto dolorose.
      E' giusto sentirsi a proprio agio con la persona che si considera amico e questo è un sentimento che si sente "a pelle" solo se anche l'altra persona ci considera allora stesso modo. Ci vuole empatia e grande intesa tra due amici specialmente in quei rapporti che durano da anni.
      A volte questi ci deludono ed è difficile dare una spiegazione a tutti i motivi di litigio tra amici. L'importante è cercare di recuperare il rapporto laddove ci sia volontà da entrambi le parti.
      Basta non dimenticare il rispetto per gli altri ma anche per se stessi.
      Tante cose belle,
      Aurel Palmaccio

      Elimina
  3. Arianna Stravato29 gennaio 2016 22:57

    Ciao...sono 4 mesi che non vedo, non sento e non parlo con la mia migliore amica per motivi stupidi...incomprensioni, insulti ed offese...io le ho detto semplicemente alcune cose che pensavo, senza insultare nè denigrare...e lei si è incazzata, senza nemmeno dirmi una parola mi ha bloccato da tutto e non mi vuole vedere da 4 mesi...eravamo amiche da 14 anni e ora sto malissimo, sto cadendo in depressione e non so come fare...ho cercato di fare di tutto per recuperare...scuse, piccole sorprese, silenzio, richieste di chiarimento, rassegnazione ma nulla...io continuo a star male e lei continua a fregarsene...ho provato ad andare avanti ma nulla, non riesco...più passa il tempo e più sto male...non so più come fare...

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo commento!